Il Rinascimento in Piazza Vecchia

rinascimento1.jpgUna vera e propria festa della musica del XV secolo quella organizzata per giovedì 21 giugno dalle 21.30 sotto il Portico di Palazzo della Ragione quando quando prenderà il via la stagione estiva proposta da Gioventù Musicale Bergamo. Grazie a canti e danze del Rinascimento italiano presentati dal gruppo La Rossignol (9 elementi tra danzatori e musicisti di strumenti antichi). Festa di ballare” presenterà nella prima parte canti e balli in voga nel sec. XV, al tempo di Leonardo da Vinci, che fu musicista, compositore, cantante, coreuta e inventore di strumenti musicali; la seconda al sec. XVI e in particolare ai “professori di ballare” Fabritio Caroso da Sermoneta e Cesare Negri milanese, i quali, con le loro opere, autentiche pietre miliari della storia della danza, hanno contribuito in modo determinante al prestigioso cammino dell’arte suprema.
Canto, musica e danza vivono in quest’epoca una stagione di incredibile ricchezza, dove i capolavori si susseguono in un crescendo affascinante e stupefacente. Nel pensiero rinascimentale divengono simboli dotati di proprio valore: non semplici suoni o gesti, ma segni indicatori di ambienti e di convenzioni sociali più complesse, poiché cantare, suonare e ballare sono cose che occorre fare con altri.
Il contesto naturale è la “festa”, un insieme di molteplici azioni come banchetti, mascherate, balli e intermedi: è la nobiltà, che attraverso la grandiosità degli eventi, celebra il proprio trionfo in un felice itinerario verso la perfezione dell’arte, della musica e della danza.Tutto quanto in programma è originale e proviene da codici manoscritti o da edizioni a stampa del tempo. Lo spettacolo, proposto in costume, con strumenti e stili esecutivi d’epoca, è il frutto di un rigoroso lavoro di ricerca e ricostruisce il clima colto ed aristocratico, ma molto godibile e spettacolare, di una nobile festa cortigiana.
(da BergamoNews,19,6,13)

Il Rinascimento in Piazza Vecchiaultima modifica: 2013-06-21T15:38:00+02:00da amicimura1a
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *