Workshop e Tavola rotonda per Unesco

Esperti, Cittadini e Associazioni chiamati a contribuire con idee e proposte all’allestimento del “Piano di Gestione” richiesto da Unesco per l’iscrizione a Patrimonio dell’Umanità.
Leggi l’intero invito : Workshop 25/05/2015140525 Workshop

La Fortezza è bellissima

Biblioteca Mai -atrioBellissima iniziativa alla Bblioteca A.Mai.  Nell’atrio della Biblioteca Civica Angelo Mai, è allestita la mostra dal titolo “La fortezza è bellissima”. Le Mura di Bergamo nelle raccolte della Biblioteca Angelo Mai. Con testi e immagini, libri antichi e moderni, documenti archivistici originali e in copia, dipinti e stampe, normalmente non visibili al pubblico, la mostra racconta la storia della fortificazione che trasformò la città di Bergamo nel primo baluardo occidentale in terraferma della Serenissima. Documenti rari e preziosi illustrano le vicende della realizzazione della cinta muraria – dalla progettazione all’apertura del cantiere, dalla ricerca delle maestranze alle resistenze della popolazione, dalla costruzione dei baluardi alle opere di abbellimento – e le vicende dei secoli successivi, tra evoluzioni architettoniche, riusi e valorizzazioni. Le Mura di Bergamo, da sempre oggetto di studio da parte di storici, architetti e urbanisti, sono proposte oggi all’attenzione dell’Unesco per essere dichiarate, con il più ampio sistema difensivo voluto da Venezia per i suoi territori, ‘patrimonio dell’umanità’, ma sono riconosciute ‘patrimonio della città’ di inestimabile valore storico e culturale da oltre quattro secoli. Curata dal Gruppo Volontari dell’Associazione Amici della Biblioteca Mai, la mostra rimane allestita fino al 10 gennaio 2015.

Vedi anche la galleria fotografica Continua a leggere

Seminario a S. Agostino

S. Agostino di Bergamo: uomini, ambienti, libri, cultura

s-agostino.jpgSenza dubbio, il convento di Sant’Agostino costituisce una presenza strategica nel tessuto storico-monumentale di Bergamo, non solo per la posizione, che lo rende un punto di passaggio pressoché obbligato all’ingresso della città (qualora si utilizzi l’omonima porta, un tempo sulla via per Venezia), e per le sue imponenti vestigia architettoniche, ma soprattutto per la capacità di raccogliere percorsi storici distinti di grande rilievo nel disegnare l’identità culturale urbana.
Il Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Bergamo organizza un Seminario di cultura medievale e rinascimentale dal titolo “S. Agostino di Bergamo: uomini, ambienti, libri, cultura”. Continua a leggere

Tour tra le case chiuse di Città Alta

gombito notte.jpgUn tour a luci rosse alla riscoperta delle case chiuse di Città Alta attive a cavallo tra Ottocento e Novecento, Gli appuntamenti serali con ritrovo a Colle Aperto per «Noi siam come le lucciole», sono un’originale iniziativa a cura del G.A.B. Gruppo Archeologico Bergamasco di via Borgo Canale, 5 e organizzata dall’anima del Gruppo Archeologico Bergamasco, Paolo Moschini, con la consulenza di Daniele Quarenghi. E si scopre anche che le prostitute con licenza erano a fine ‘800 solo 26 ma quelle che esercitavano clandestinamente, presso la Fiera, in via San Giovanni e in via San Tomaso, erano molte di più…

in Piazza Vecchia le avventure di Pinocchio

burattini.jpgLa Piazza dei Burattini ospita “Le avventure di Pinocchio” in occasione della giornata di Ferragosto, giovedì 15, con l’esibizione dello spettacolo di marionette in una baracca di legno al centro di Piazza Vecchia in città alta alle 17.
La rassegna “Borghi & Burattini”, giunta ormai alla diciottesima edizione e all’interno del programma Bergamo estate 2013, è promossa dalla fondazione Benedetto Ravasio, che perpetua il progetto artistico del grande burattinaio bergamasco, interprete della tradizione popolare e che ha trasformato con raffinatezza l’antica arte del burattinaio. La prima parte dello spettacolo racconta le esperienze interiori di Pinocchio, mentre nella seconda il bambino di legno scopre la vita, gli ambienti cambiano e i personaggi, già noti a tutti i bambini, vengono attesi e riconosciuti, come in un rito che diviene catarsi.