1823 – 1827 l’acquisto della superficie sovrastante 7 baluardi

Repetita juvant… l’articolo riprende un pezzo di storia delle Mura, conosciuta, si spera, dai più, descritta già in un altro del 21/6/2012. Questa vicenda (che si può leggere estesamente nella raccolta di Luca Dell’Olio) porta ad elogiare la grandezza di vedute di quell’amministratore pubblico, Rocco Cedrelli, ed esorta qualcuno che, facendo orecchie da mercante, non raccoglie oggi l’idea che Bergamo rivuole le sue Mura“.

Un piano di intervento …. servito su un piatto d’argento.

Quando si dice la fortuna di un’amministrazione… ora i Volontari sono pronti, equipaggiati di attrezzi, vestiario, assicurazioni, ferma volontà, con esperti rocciatori, con alle spalle geologi e architetti e capaci anche di allestire un piano ben preciso… ma manca solo un mezzo meccanico; sarebbe incredibile per un’amministrazione non sfruttare simile occasione!!140723 piano per pulizia mura

La “battaglia” delle MURA. La Soprintendenza… finalmente, meno male!

140722 battaglia delle muraContinua la “battaglia, ormai ventennale, per convincere l’amministrazione a prendersi cura in modo programmato del nostro monumento. In Comune, addirittura, qualcuno non sapeva neppure dell’esistenza di una convenzione del Genn. 2000 (vedi) fatta con la Soprintendenza per la manutenzione ordinaria. Convenzione che aveva spinto l’amministrazione ad una spesa annuale di 250.000 € dal 2000 al 2006 (vedi elenco), sospesa poi per l’arrivo dei fondi (1.529.000 €) della Legge 191/2003 (Gibelli) e non più ripresa… anzi ora dimenticata… addirittura negata!! E adesso che lo sappiamo, e adesso che abbiamo dei Volontari che si offrono… forza diamoci da fare!

Unesco, presentato il “Comitato scientifico” !

140203 UNESCO - comitato scient - bgnews 140203 UNESCO - comitato scient -giornale 140204 UNESCO - comitato scient -corsera 140204 UNESCO - comitato scient -eco 140204 UNESCO - comitato scient -giornoTutti i quotidiani cittadini ne parlano, quante parole per idee ben confuse. Sì, alcuni l’hanno scritto ed era tutto lì.
In breve: le normative di Unesco prevedono :
1) la richiesta di ingresso corredata da motivazioni, descrizione e comparazione per entrare nella Tentative List (e qui ci siamo dal 9 Ott.2013 con Croazia -25/11/2013 e Montenegro -11-02-2014).
2) Il completamento del dossier con un “Piano di Gestione” del bene che ne preveda la conservazione e la valorizzazione (e anche i vincoli). Palmanova ne aveva già indicato i punti nella sua presentazione (ben più completa della nostra) all’ Workshop del Dic. 2012. Dossier Palmanova (N.B. : Scarica senza accettare iscrizioni o altri software). Inutile dire che questo “Piano di Gestione” del monumento, che è stato, con vari modi richiesto da decenni alle amministrazioni cittadine, sarà comunque una cosa importante per la città indipendentemente dall’esito Unesco. Colpisce poi, negli articoli, la mancanza dell’elenco esatto dei partecipanti al Comitato ma sicuramente non vi compaiono tante personalità che negli anni scorsi hanno dimostrato (in gruppi di studio o in pubblicazioni) il proprio attaccamento alla città e alle MURA.