Il Fortino di San Domenico

Il “Fortino San Domenico” è un’opera di difesa avanzata a protezione del retrostante baluardo San Giacomo terminata nel 1585 (come da lapide sul lato nord). Per realizzarla fu necessario demolire il convento di Santo Stefano e San Domenico in cui si conservavano le spoglie di Pinamonte da Brembate e la grande pala Martinengo di Lorenzo Lotto (ora in San Bartolomeo); un convento, prestigiosissimo e ampiamente partecipe della vita cittadina. Il “fortino” veniva giudicato scarsamente difendibile fin dal momento della sua realizzazione, ma, scriveva il capitano Giovanni da Lezze nel 1596, se esso fosse stato occupato dal nemico, “si potrebbe far saltare la mina ritrovandosi in detta piazza un vacuo profondo come di cisterna secreta formata de sassi e coperta con un volto di muro che sarebbe la morte di quelli che vi si ritrovassero sopra”.
Oggi, alla luce del suo riconoscimento Unesco come facente parte delle “opere di difesa veneziane”, si potrebbe definire la sua situazione “scandalosa”…
E’ ovviamente più volte citato nella presentazione del “bene” depositata all’Unesco e ben identificato nella mappa dell’area locale riguardante “The Venetian Works of Defence” ma, come si può leggere anche nei precedenti altri articoli correlati (Il Fortino di San Domenico e Forte San Marco e forte San Domenico) non solo è ora diventato irriconoscibile (le possenti mura si possono vedere solo percorrendo il vicolo San Carlo) ma si trova tuttora catalogato nelle “Schede dell’Inventario dei Beni Culturali, Ambientali e Archeologici” di Bergamo, col numero 131, solo come “Giardino in via Sant’Alessandro, 71” !!!

Mura veneziane nell’Unesco…. Bergamo deve ancora imparare..

Sono molte ormai le città, italiane e europee, da cui Bergamo avrebbe qualcosa da imparare… e sull’argomento principale (le fortificazioni storiche) non solo Vicenza ma anche Padova, Verona, Cittadella, Lucca, ecc. ecc. che hanno istituito Uffici e cariche ad hoc per la loro conservazione e valorizzazione. Anche recentemente erano state presentate in Consiglio Comunale delle proposte, regolarmente bocciate, per affrontare l’argomento, che coinvolge ora diversi assessorati, in modo coordinato e unitario; è ora che, alla luce della nuova situazione, si rivedano alcune affrettate decisioni e si pensi a dare una prospettiva stabile futura ai nostri valori storici cittadini.
170818 unesco come vicenza 000319 invito futuro mura

Mura dell’Unesco… accessibilità!

Nessun problema … sicuramente il “Comitato Scientifico”, che ha studiato il “piano di gestione” del bene Unesco e la sua accessibilità, avrà senz’altro un asso nella manica!! Per altro “piani di gestione dei visitatori e studi di capacità di carico di turismo” sono tema anche delle “Raccomandazioni” dell’ICOMOS redatte prima del riconoscimento.
170811 salire in città alta - bgpost

Unesco 2017

Di seguito i link delle pagine Unesco dove trovare le informazioni relative alla riunione del 2017 della Commissione Unesco a Cracovia.
Unesco sito - cracovia 2017 Unesco sito - nuovi 2017
Unesco sito - 8 nuovi 2017 Unesco sito - mura 2017
Unesco - documents…e, su Youtube, si può vedere l’intera relativa seduta della Commissione Unesco(22′) in cui Cuba, Kazakistan, Turchia, Portogallo, Filippine, Tanzania, Polonia, Giamaica, Sud Corea, Zimbabwe hanno votato a favore dell’approvazione.

…e UNESCO 1995
Un articolo ci ricorda che anche Crespi d’Adda è inserita nell’elenco dei Beni Unesco fin 1995, quando bastava poca documentazione e pochi mesi per ottenere il riconoscimento… e quando qualcuno, molto sensibile, propose per la prima volta in Consiglio Comunale a Bergamo di percorrere lo stesso iter per le nostre MURA!
170710 crespi d'adda1

Ahi, ahi… chi ben comincia…

MAGNIFICO… degli “archistar” potranno vantare delle costruzioni sul sito Unesco “Venetian Works of Defence between the 16th and 17th Centuries: Stato da Terra – Western Stato da Mar” visto che la “lunetta” prospiciente la “Cortina di S.Giacomo” ne fa parte integrante!!! Con buona pace della “zona di rispetto” citata nel “dossier Unesco”.
170728 casa via 3 armi - corsera

Su quella “lunetta”, per secoli era stato possibile solo coltivare delle viti… fortunatamente in città il senso civico non è ancora del tutto defunto e si possono leggere anche buone notizie come quella del Colle Belfante anch’esso facente parte del “sistema difensivo” come “cavaliere” del Baluardo di San Michele (vedi relazione del Capitano Giovanni da Lezze – 1596).
170711 vigneto a s-michele - bgpost

Opportuno rinfrescare le nostre Memorie

Appaiono di tanto in tanto sui giornali degli opportuni articoli che ripercorrono la Storia del nostro più grande monumento, talvolta contenenti delle imprecisioni quando non errori veri e propri. Perché allora, stante la particolarità del momento vissuto dalle Mura, non pensare a una ristampa di quel volume, ormai introvabile, che resta l’opera “principe” dell’argomento?
170712 - mura che sciagura -corsera 02 -Le Mura di Bergamo
Da non dimenticare che resta ancora scaricabile da questo stesso sito, l’altro importantissimo riferimento storico che è il Giovanni da Lezze“.

Festeggeremo ogni 9 Luglio…

Forse perché il 9 Luglio 2006 l’Italia a Berlino, battendo la Francia, vinse il mondiale di Calcio? No… forse perché in quella data l’Argentina di Bergoglio ottenne l’Indipendenza? No… Allora perché sono i compleanni di Darwin, di Roberto Gervasio, di Tom Hanks…? No, No… Il 9 LUGLIO 2017 entra in agenda perché a Cracovia la 41° riunione del Comitato Unesco ha riconosciuto il valore delle nostre MURA, portandole, con altre cinque città altrettanto “murate” dalla Repubblica di Venezia, all’attenzione del mondo: un passo importante per l’intera città di Bergamo.
In questi giorni, in molti si sono proposti come padri dell’iniziativa ma, unendola alla unica seria documentazione, presente su questo blog, si segnala  ora unicamente la seguente lettera inviata alle redazioni dei quotidiani cittadini:

Spett. redazione voglia pubblicare la seguente lettera:
19991214 nasce amici mura b“Il 22 novembre 1999, davanti al notaio Dott. Giuseppe Nosari, si costituiva l'”Associazione Amici delle Mura di Bergamo“. Tra i numerosi obiettivi del nostro Statuto (conservazione, valorizzazione, internazionalizzazione, ecc.) vi era un traguardo ambizioso: fare inserire le nostre Mura Veneziane nel patrimonio dell’Umanità.
In quella piovosa giornata di novembre un seme era piantato. Con altri lo abbiamo coltivato e con altri ancora ne raccoglieremo i frutti. L’intera città di Bergamo ne trarrà sicuramente benefici ed esprimo perciò grande soddisfazione per il proficuo lavoro, svolto perlopiù senza clamore, dai nostri associati e simpatizzanti.”
“Edoardo Rho – Tessera n° 1 dell’Associazione Amici delle Mura di Bergamo”

i Leoni Alati di Bergamo

Il Leone di San Marco o Leone Alato è la rappresentazione simbolica dell’evangelista san Marco e divenne simbolo di Venezia dopo che il corpo del santo fu trafugato ad Alessandria d’Egitto da due mercanti veneziani e portato a Venezia il 31 gennaio dell’829.
Nell’iconografia cristiana il leone simboleggia la forza della parola dell’Evangelista e le ali l’elevazione spirituale. Nel libro aperto che comunemente appare sotto la zampa anteriore destra si legge la scritta: “Pax Tibi Marce Evangelista Meus” e si riferisce al sogno che una notte avrebbe avuto San Marco di passaggio nella Laguna di Venezia, durante il quale un Angelo, sotto forma di leone alato, si sarebbe rivolto all’Evangelista dicendo “Pace a te, Marco, mio evangelista, qui riposerà il tuo corpo”.
Il Leone di San Marco, simbolo della città di Venezia e della sua millenaria Repubblica Serenissima, compare in tutte le città che hanno fatto parte del suo territorio (solitamente nelle piazze principali e nei palazzi storici) e lo si trova in bandiere, gonfaloni, stemmi, statue e monete.
Compare anche nella bandiera navale sia mercantile che militare della Repubblica Italiana.
Anche a Bergamo, come in tutte le città in cui la Serenissima costruì mura di difesa, il simbolo fu posto sui frontoni delle porte di accesso alla città.
Gli originali andarono però perduti nelle successive occupazioni (francese, austriaca e sabauda che nei timpani dedicati posero i propri simboli).

Oggi li possiamo di nuovo ammirare nei siti originali grazie all’Amministrazione bergamasca del 1958 che pensò con lungimiranza al restauro delle porte. Su disegno e direzione lavori del grande Luigi Angelini, il nostro eccellente scultore Piero Brolis realizzò e donò alla città quelli di Porta S.Agostino e Porta S.Giacomo mentre quella di Porta S.Alessandro fu un dono della città di Venezia in memoria dei 350 anni di collaborazione e fedeltà.
leone_alato_porta_sant_agostino leone_alato_porta_san_giacomo leone alato porta sant_alessandro
1935 porta s-Lorenzo b Solo Porta S. Lorenzo non si fregia di alcuna scultura. Anni or sono era visibile sopra l’arco d’ingresso un leone dipinto e molto scolorito; poi il tempo e le intemperie hanno finito col cancellarlo.
Oggi un Leone Alato è anche la guida alla presentazione per l’Unesco delle nostre Mura nel cartone animato realizzato da Bruno Bozzetto.