Riapre Porta Sant’Alessandro. Perchè era chiusa?

Tutti d’accordo… le 4 (in effetti 5) porte delle Mura sono un simbolo importante per la città. Fatti i debiti complimenti a Contemporary Locus per la mostra, in seguito all’iniziativa sorge spontanea la domanda.. ma perchè quell’enorme sala è da un secolo chiusa e inaccessibile? Molti conoscono la storia di questa porta (forse non molti sanno che vi transita niente pò pò di meno che l’antico Acquedotto dei Vasi prima di gettarsi nell’ampia cisterna sotto il Baluardo di S.Alessandro) ma nessuno può capacitarsi come nell’arco di oltre cento anni non sia stato possibile un suo riutilizzo pubblico. Certo, negli anni scorsi se n’era parlato ma erano spuntate un mucchio di normative insuperabili. E ora? E’ e sarà aperta a lungo per una mostra e poi richiusa!! Qualcosa non torna… o non si poteva aprire o se si poteva a Marzo perchè non per altri mesi… per esempio per una sede permanente dell’Associazione “Terra di San Marco” o per una mostra permanente sui sotterranei delle Mura ?? Sembra che la domanda sia già stata posta colà ove si puote…

150317 porta s-alessandro- eco 150327 porta s-alessandro - eco 150327 porta polifonica 150305 porta s-alessandro - bgsera

Unesco a tutto campo.

Incontri, convegni, recite… manca “solo” (anche a Bergamo) il “Piano di Gestione” che, era stato scritto,  dovrebbe essere presentato entro febbraio 2015…141026 UNESCO - pressing sulle straniere -eco 141029 annuncio convegno 3 TSM

La Fortezza è bellissima

Biblioteca Mai -atrioBellissima iniziativa alla Bblioteca A.Mai.  Nell’atrio della Biblioteca Civica Angelo Mai, è allestita la mostra dal titolo “La fortezza è bellissima”. Le Mura di Bergamo nelle raccolte della Biblioteca Angelo Mai. Con testi e immagini, libri antichi e moderni, documenti archivistici originali e in copia, dipinti e stampe, normalmente non visibili al pubblico, la mostra racconta la storia della fortificazione che trasformò la città di Bergamo nel primo baluardo occidentale in terraferma della Serenissima. Documenti rari e preziosi illustrano le vicende della realizzazione della cinta muraria – dalla progettazione all’apertura del cantiere, dalla ricerca delle maestranze alle resistenze della popolazione, dalla costruzione dei baluardi alle opere di abbellimento – e le vicende dei secoli successivi, tra evoluzioni architettoniche, riusi e valorizzazioni. Le Mura di Bergamo, da sempre oggetto di studio da parte di storici, architetti e urbanisti, sono proposte oggi all’attenzione dell’Unesco per essere dichiarate, con il più ampio sistema difensivo voluto da Venezia per i suoi territori, ‘patrimonio dell’umanità’, ma sono riconosciute ‘patrimonio della città’ di inestimabile valore storico e culturale da oltre quattro secoli. Curata dal Gruppo Volontari dell’Associazione Amici della Biblioteca Mai, la mostra rimane allestita fino al 10 gennaio 2015.

Vedi anche la galleria fotografica Continua a leggere

Iniziativa per Unesco… ma non solo

Gli incontri di “divulgazione” e “coinvolgimento” : ci si chiede anche perché non siano ancora previsti nei programmi scolastici dei corsi di cultura e storia locale ??