Segnalazione di interessanti iniziative

BergamoMedioevaleII2017-2904 Invito-RossiTosca_BergamoScolpita1
Domenica 30 aprile 2017 alle ore 15:00, nella Sala Consiliare del Comune di Covo (BG)
la presentazione della pubblicazione: “GLI OROBI. ALLE RADICI DELLE GENTI BERGAMASCHE“. Interverranno gli autori: Giancarlo Minella e Adriano Gaspani. Introduzione di Marco Merisio e, nel pomeriggio, sarà presente uno stand di Terra Orobica presso cui sarà possibile acquistare il libro.
Per informazioni: info@terraorobica.net

Interessantissima iniziativa

la cinta romana

la cinta romana

VISITA GUIDATA ALLA BERGAMO ROMANA
(primo servizio guida di un intero ciclo che porterà alla scoperta della storia di Bergamo dai primordi fino all’era medioevale,
transitando per quella rinascimentale – barocca – neoclassica per approdare infine a quella moderna!)

DATA AGGIUNTIVA SEGUITO RICHIESTE
SABATO 18 MARZO ORE 15.00

DATA ANCORA DISPONIBILE
VENERDì 24 MARZO ORE 15.00

Ritrovo Colle Aperto – Bergamo Alta – lato ingresso Cittadella
Costo €8 comprensivo di ingresso Museo Archeologico Sezione romana e servizio guida

PRENOTAZIONE O B B L I G A T O R I A tosca.rossi@gmail.com

Una piacevolissima sorpresa : Alvise Cima

tosca-rossi,alvise-cima,a-volo-d'uccello,mura-venete, A volo d’uccello – Bergamo nelle vedute di Alvise Cima –

Analisi della  rappresentazione della città  tra XVI e XVIII secolo di Tosca Rossi.
E’ il secondo studio pubblicato dalla guida turistica bergamasca dedicato alla nostra città.  Il primo risale al 2009 “Bergamo urbs  picta  –  Facciate  dipinte  a  Bergamo  dal  XV  al  XVIII  secolo” dove per la prima volta tutti i lacerti affrescati presenti sugli edifici di Bergamo Alta, Bassa e colli sono  stati  repertati,  analizzati,  descritti e corredati di  ricerca storica.  Anche la nuova opera tratta di un’analisi, anche stavolta la ricerca è sicuramente originale  e inedita:  un affascinante tuffo nella Bergamo medioevale, una visione del suo assetto urbano prima che venisse  sconvolto  dalla  fortificazione  veneziana  ultimata  nel  1595,  addirittura  una  sorta  di passeggiata tra viottoli, slarghi, spalti e grumi di case, che permettono di ritrovare il borgo antico colto nel suo aspetto disordinato, ma intonso, spontaneo ma fiero, vegliato dai santi cari alla devozione bergamasca:  Vincenzo e Alessandro. Continua a leggere