Verona. Come altre città valorizzano le loro Mura.

Il restauro conservativo del Parco delle Mura: modalità d’intervento.

Il progetto del parco delle mura si riferisce al tratto della cinta difensiva compresa tra i fornici di via del Fante e la rondella di Santa Toscana. Il presupposto fondamentale alle scelte di progetto, è la consapevolezza di agire su parte di un sistema unitario di architettura e paesaggio che costituisce l’insieme delle fortificazioni veronesi, unico per bellezza e testimonianze storiche. Gli interventi e le proposte progettuali sono volte a conservare e valorizzare tale patrimonio permettendone la piena accessibilità e consentendo, in un eventuale futuro, di inserirsi all’interno di un parco delle mura inteso in un’accezione più ampia ovvero relativo a tutto il patrimonio del sistema difensivo veronese. Nell’ambito del comparto la fruizione e il godimento del verde e del monumento avviene attraverso la realizzazione di percorsi ciclabili e pedonali nei valli e sui terrapieni messi insicurezza. L’area all’interno del grande bastione di Campo Marzo è destinata dal P.U.A. a ospitare manifestazioni o eventi all’aperto ed attualmente appare manomessa nella morfologia e nelle funzioni dal recente utilizzo della caserma militare che ha rimosso le tracce della polveriera e svuotato i terrapieni. La riqualificazione avviene riproponendo le bastionature in terra e posizionando una piastra polifunzionale al centro a riprendere la sagoma della polveriera. Inoltre i binari esistenti del collegamento ferroviario che avveniva da porta Campofiore sono mantenuti per posizionare strutture temporanee mobili a supporto delle varie attività e manifestazioni. La torre piezometrica ormai in disuso, manufatto tecnico a testimonianza del recente utilizzo dell’esercito italiano, è mantenuta e trasformata attraverso un restyling in un punto di osservazione privilegiato della città e del parco.

Verona. Come altre città valorizzano le loro Mura.ultima modifica: 2015-04-30T18:20:16+00:00da amicimura1a
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *